Go to Top

Quarzi e cristalli: I gioielli nascosti del Monte Bianco

Il Monte Bianco è conosciuto in tutto il mondo per i suoi quarzi e cristalli, veri e propri gioielli naturali che non solo costituiscono una unicità di Courmayeur Mont Blanc ma che ne hanno influenzato profondamente la storia e lo sviluppo.

L’Alpinismo, senza i cercatori di cristalli, non sarebbe mai nato.

Fu proprio un cercatore di cristalli, Jacques Balmat, a dare il via a questa grande epopea. Proprio Balmat, avventurandosi l’8 agosto 1786 dentro il Monte Bianco a cercare cristalli insieme al medico Michel Paccard, trovò la chiave per arrivare in vetta.

Jacques Balmat fu uno dei primi cristalliers del Monte Bianco. Veri e propri cercatori di cristalli che in cordata scalavano le pareti del Tetto d’Europa alla ricerca dei rarissimi quarzi ialini e fumé dalle forme elicoidali, tipici del massiccio del Bianco o delle fluoriti rosse, veri e propri gioielli della mineralogia alpina.

Un universo luminoso che non poteva che essere in mostra proprio nel cuore del massiccio: a Punta Helbrenner la sala “Hans Marguerettaz” ospita la mostra permanente dei cristalli del Monte Bianco dove si possono ammirare i gioielli delle nostre montagne. Tutti pezzi bellissimi e di varie dimensioni estratti nell’arco degli anni da vari appassionati “cristalliers” valdostani nel massiccio del Monte Bianco.

 

panorama

Offerte e proposte vacanza


 
Nessun risultato trovato

Ospitalità

 

Servizi

 
Homepage